Accademia degli Anistamici (1764 – 1816)

 

ASCB, Amistamici, F.M. Preti, Progetto della sede, tav. 1 (1774)

Con la denominazione di Accademia degli Anistamici1 si identificò più precisamente il sodalizio di intellettuali, riconosciuto ufficialmente dal decreto del Senato veneziano del 7 agosto 1766, che ebbe lo scopo precipuo di diffondere e sviluppare a livello locale le teorie fisiocratiche allora imperanti in Europa. Sulla base del regolamento del  14 gennaio 1764, anno di fondazione, l’accademia fu istituita per promuovere in modo fermo e durevole l’esercizio de’lettterati suoi studi  (F.MIARI, Dizionario storico, artistico, letterario bellunese compilato dal conte Florio Miari, Belluno,Deliberali, 1843, p.9 ) sotto la protezione di san Bernardino da Siena. L’ammissione  dei soci ordinari e onorari avveniva sulla scorta della presentazione in forma anomina di un qualche componimento su tema assegnato dal segretario pro tempore, che se approvato nei contenuti, avrebbe consentito il successivo appalesarsi dell’autore e la sua ammissione nel novero degli accademici. Le cariche istituzionali  venivano elette dall’adunanza annuale dei soci il secondo giorno dell’anno: un principe, due consiglieri o assistenti, due censori,  un segretario e un questore, con durata di dodici mesi e contumacia triennale, ad eccezione del segretario che poteva essere confermato. Sede dell’Accademia fu Palazzo Minerva di via Rialto, eretto durante gli anni ’80 del sec. XVIII   probabilmente su progetto dell’arch. Francesco Maria Preti (Castelfranco Veneto 1701-1774). L’attività di studio dei soci è testimoniata da relazioni a stampa, conservate presso la Biblioteca civica di Belluno.

La documentazione archivistica conservata si riferisce soprattutto al secolo XVIII

 

Bibliografia: F.MIARI, Dizionario storico, artistico, letterario bellunese compilato dal conte Florio Miari, Belluno, Deliberali, 1843; A. BUZZATI, Bibliografia Bellunese, Venezia, Tip. dell’ Ancora, 1890, passim; G. DE BORTOLI, A.MORO, F. VIZZUTI, Belluno storia architettura, arte, Belluno, Istituto Bellunese di ricerche sociali e culturali, 1984, p.116.

serie
consistenza
inizio
fine
leggi e capitoli e cassa reg. 1 1764 1795
atti costitutivi e assemblee annuali reg. 1 1764 1772
relazioni regg. 2 1764, 1790 con atti sin 1816
progetto della sede reg. 1 con tavv 1774

 

___________________________________

1 Anistamici cioè risorti, come la fenice rappresentata nel loro stemma